Piani cottura: quali sono i migliori?

Piani cottura

Il passaggio più difficile di comprare una cucina è quello che riguarda l’acquisto degli elettrodomestici, ma soprattutto dei piani di cottura.

Una cucina deve avere dei fornelli, quelli maggiormente usati sono a fiamma, cioè a gas, ma non si sa che essi offrono sempre tanti problemi. Le fiamme libere sono pericolose, specialmente quando si hanno dei bambini. Si ha un alto rischio di incendio e per pulirle si passano le pene dell’inferno.

Sapete qual è il piano di cottura migliore che ha soddisfatti milioni di clienti e che è anche a basso consumo energetico? Il piano a induzione.

Un elettrodomestico innovativo, che permette di avere tanti vantaggi estetici e pratici. Entrato timidamente nel mondo delle cucine, ecco che oggi sta diventando quello maggiormente consigliato.

Uno dei primi vantaggi da sapere, perché aiuta a risparmiare, è la detrazione data da parte dello Stato, per coloro che acquisto degli elettrodomestici che siano a basso consumo energetico. Tra questi rientra proprio il piano di cottura a induzione.

Induzione in una cucina usata, bellezza ritrovata

Il piano ad induzione interessa per la sua estetica poiché non ci sono dei fornelli a spessore, ma si ha solo una superficie liscia dove sono disegnati gli spazi dove collocare le pentole per cuocere.

In una cucina usata aiuta a valorizzare molto i piani di lavoro. Si ha un elettrodomestico tecnologico che valorizza l’ambiente.

Questo elettrodomestico si presente con una superficie totalmente piatta, dove si ha un display per utilizzare e regolare le temperature di cui si ha bisogno per la cottura dei cibi. Solitamente, la sua colorazione, è totalmente nera, anche se esistono delle tipologie bianche e grigie.

La sua alimentazione è totalmente elettrica, ma con un recupero di energie e calore interne. Questo limita lo spreco di energia elettrica, ma attenzione che l’elettricità usata occorre per generare del calore all’interno di campi magnetici.

I pro di avere comprare cucina usata completo di questo piano di cottura a induzione, sono quelli di avere una superficie che si sporca difficilmente, facile da pulire, si controlla con dei click touch sul display e cuoce perfettamente, in metà del tempo usato nelle cucine a gas.

Molto sicura perché non usando il gas, quest’ultimo non si disperde nell’ambiente. Non si rischiano incendi perché non ci sono delle fiamme libere. Il calore si sprigiona solo nei settori “disegnati” e si raffredda velocemente. Questo permette di avere anche una maggiore protezione dei bambini che, giocando in cucina, possono toccare i bordi.

Vogliamo anche dichiarare gli svantaggi che ci sono, anche se sono pochi, per avere un quadro chiaro. Il piano di cottura a induzione ha bisogno di pentole studiate per il suo funzionamento. Ha un costo iniziale più costoso degli altri, ma che poi viene recuperato dalla totale carenza di manutenzione e pulizie.

Utile anche per stili di arredo classici o tradizionali

piani di cottura

Una cucina classica, in shabby chic o tradizionale, con dei mobili in legno, può avere una nuova vita sostituendo il piano di cottura a induzione.

Una cucina usata ha sempre dei piccoli danni dati direttamente dal calore di questo elettrodomestico. Infatti, le cucine in legno, ad esempio, soffrono di una colorazione diversa e di deformazioni delle superfici.

Limitare questi problemi è assolutamente semplice e facile proprio installando un piano di cottura a induzione. Il calore, che si sprigiona tramite dei campi magnetici, non danneggia i piani vicini. Questo consente di proteggere la vostra cucina.

In base a delle speciali cappe e a un controllo maggiore delle temperature, si limitano anche i vapori che sporcano la cucina. Ciò vuol dire che si ha la possibilità anche di limitare le pulizie. comprare cucina usata con un piano a induzione è la scelta più consigliata per avere un’ambiente di lunga vita.

Twitter Facebook Google Plus

Tags, , , , , , , ,

Authorcucina usata | Date20-06-2020